La rivincita del riso integrale

Il rifiorire della flora batterica non garantisce solo il benessere dell’apparato intestinale ma è anche la chiave per la cura di diverse malattie finora considerate croniche, tra cui il diabete di tipo 2. A fare un’affermazione così impegnativa che mette in discussione non solo le diete delle più importanti scuole di diabetologia (le cosiddette diete di controllo) ma in definitiva come noi cosiddetti “sani” ci alimentiamo, non è una rivista scientifica qualsiasi ma il British Journal of Nutrition che oggi ha finalmente messo in rete i risultati di una ricerca dell’Università di Bologna e del Campus Bio-Medico di Roma sulla dieta MaPi2, ideata da Mario Pianesi il fondatore di Un Punto Macrobiotico . Secondo la ricerca pubblicata sul sito online della rivista scientifica “la Dieta MA-PI 2, ma non la dieta di controllo, è stata efficace nel contrastare l’incremento di gruppi batterici pro-infiammatori, quali Collinsella e Streptococcus nell’ecosistema intestinale, mostrando il potenziale di produrre la remissione della disbiosi pro-infiammatoria nel diabete tipo 2 e fornendo una possibile spiegazione della maggiore efficacia della dieta MA-PI 2 nel migliorare il controllo metabolico”. È la prima volta che una rivista del calibro del BJN rilancia nella comunità scientifica internazionale le straordinarie intuizioni di Mario Pianesi che partendo dagli insegnamenti del giapponese Nyoiti Sakurazawa (conosciuto in Occidente con il nome di George Ohsawa) ha indicato nel riso integrale l’alimento più importante per  il benessere dell’apparato intestinale e quindi per la salvaguardia del nostro organismo. La MaPi2 prevede oltre al riso integrale che è l’architrave della dieta ideata da Pianesi, il consumo di miglio, orzo integrale, ceci, lenticchie, fagioli neri, fagioli azuki, ravanello, carota, cavolo verza, cicoria, cipolla, prezzemolo crudo. Come condimento la dieta MaPi2 prevede salse di miso e tamari senza soia ma a base di ingredienti mediterranei, come ideato da Mario Pianesi. Il tutto accompagnato da tè beicha. La notizia che probabilmente non avrà lo spazio che merita sui grandi giornali italiani è probabilmente destinata, nel lungo periodo, a cambiare il nostro stile alimentare: da troppo tempo ormai il riso integrale non è più al centro della nostra tavola dove invece primeggiano piatti a base di farine raffinate, spesso con l’aggiunta di un ingrediente niente affatto salutare come lo zucchero. Alimenti che non prevengono il diabete ma a lungo andare ne sono la causa. Per leggere come la dieta MaPi2 contribuisce al rifiorire della flora batterica (alias microbiota intestinale) e come il riso integrale svolge un ruolo fondamentale nella prevenzione e nella cura di diverse malattie come il diabete di tipo 2, vai qui

http://goo.gl/KZyURM


Lascia un commento